Il Diluvio – Subsonica

17 03 2011

Informazioni sul testo:

  • Artisti ed interpreti: Massimiliano Casacci, Samuel Umberto Romano, Davide Dileo, Enrico Matta e Pierpaolo Peretti Griva (in arte Subsonica);
  • Album: Eden;
  • Anno di pubblicazione: 2011;
  • Genere: Rock;
  • Premi vinti: nessuno;
  • Sito ufficiale del gruppo: http://www.subsonica.it/.

Il testo

IL DILUVIO

Sei stata l’ondata perfetta
per infrangerti contro di me
e adesso che tutto è sommerso che cosa resta e perchè?

sei stata l’ondata perfetta
per infrangerti contro di me
e adesso che tutto è sommerso che cosa resta e perchè?
sei stata un’ondata violenta
per aprirti qui dentro di me
e adesso che tutto è diverso questo silenzio cos’è?

una festa infestava la mia testa
mentre lei rotolava nella cesta
della rivoluzione, della sbronza
tra le voci calde della protesta

mi sentivo un veliero nel tuo letto
ma per te io non ero che un insetto e poi
un giocattolo d’indifferenza
dimmi quanto vale la mia verginità

giù la piazza accendeva la tempesta
quel diluvio di ogni adolescenza
un uragano un ammutinamento
contro la ginnastica dell’obbedienza

samurai senza pace senza guerra
nell’elastico dei sentimenti tuoi
c’era il disordine dell’innocenza
nell’adrenalina delle mie verità

sei stata l’ondata perfetta
per infrangerti contro di me
e adesso che tutto è sommerso
che cosa resta e perchè?
sei stata un’ondata violenta
per aprirti qui dentro di me
e adesso che tutto è diverso
questo silenzio cos’è?

(La ghiglia si incaglia nella voglia di te
ed io ero il tuo prossimo relitto)

la chiglia si incaglia nella voglia di te
che travolgevi tutto senza tanti perchè
che eri come un tuffo dove il mare pi blu
e io ero il tuo prossimo relitto

le sciarpe al collo e tutta la carnalità
in quel corteo le prime libertà
ti consegnavo l’ingenuità
quante volte mi hai rubato la verginità

sei stata l’ondata perfetta
sei stata l’ondata perfetta
ed io ero il tuo prossimo relitto
sei stata l’ondata perfetta
sei stata l’ondata perfetta
quante volte mi hai rubato la verginità

(La ghiglia si incaglia nella voglia di te
tu eri come un tuffo dove il mare è più blu)
ed io ero il tuo prossimo relitto
(le sciarpe al collo e tutta la carnalità
ti consegnavo l’ ingenuità )
quante volte mi hai rubato la verginità.


Azioni

Information

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: