…E Dopo Cercami – Alex Britti

13 03 2011

Informazioni sul testo:

  • Artisti: Alessandro Britti e Maurizio Costanzo;
  • Interprete: Alessandro Britti;
  • Album: Festa;
  • Anno di pubblicazione: 2005;
  • Genere: Pop;
  • Premi vinti: nessuno;
  • Sito ufficiale dell’artista: http://www.alexbritti.com/.

Il testo

…E DOPO CERCAMI

La notte era piena di grilli e odori
di cose non dette, dei nostri rumori
Mi sento già chiuso in un dolce rifugio,
prendo l’amore che ho messo nel frigo

Aspetto stasera le candele accese,
il cane che abbaia
e mani un po’ tese
E io sto qui ma lasciami in pace
non chiedermi troppo che non sono capace

Adesso dov’è tutta quell’arroganza
di quando spaccavi metà della mia stanza
dicevi “buffone”
io invece “dai resta”
non darmi ragione non te l’ho mai chiesta

Io però ti resto vicino
solo da uomo e non da bambino
e se te ne vai non tornare indietro
perché troverai un uomo di vetro

Allora distruggimi
però rispettami
ignorami e dopo cercami

Un altro Natale passato coi tuoi
sarà proprio questo il Natale che vuoi
fra mille amici e finti parenti
ti manca qualcuno e stringi un po’ i denti
In questa stupida ipocrisia meglio da solo a casa mia
e falla finita e lasciati andare
sei l’uomo peggiore e quello da amare

E allora distruggimi
però rispettami
ignorami e dopo cercami

Distruggimi però rispettami
ignorami e dopo cercami

La notte era piena di grilli e odori
di nostre ricchezze, i nostri dolori.





Una – Alex Britti

13 03 2011

Informazioni sul testo:

  • Artista ed interprete: Alessandro Britti;
  • Album: Festa;
  • Anno di pubblicazione: 2005;
  • Genere: Pop;
  • Premi vinti: nessuno;
  • Sito ufficiale dell’artista: http://www.alexbritti.com/.

Il testo

UNA

La fetta di una torta di qualche giorno fa
il frigo mezzo vuoto da università
sarà un periodo nero ma sto bene perché
ho scritto una canzone e la canterò per te

Domenica allo stadio non ci vado più
i tempi son cambiati, il cielo non è blu
e se il telefono non squilla non importa perché
ho voglia di restare solo, ho voglia di guardarmi dentro
cercare un po’ di cose che dovrei cambiare

Una alla volta le stagioni che passano
una alla volta vecchie storie che tornano
una alla volta se ne andranno via da sé

Chi dice che è un amico e amico poi non è (ohh ohh)
chi crede nell amore però non sa cos’è
mi sveglio all’improvviso e se non dormirò più
accendo la televisione che tanto non la guardo e penso
a tutte quelle cose che dovrei cambiare

Una alla volta le stagioni che passano
una alla volta le emozioni che stringono
una alla volta se ne andranno via da sé

Una alla volta le stagioni che passano
una alla volta vecchie storie che tornano
una alla volta le emozioni che stringono
una alla volta se ne andranno via da
andranno via da
sene andranno via da sé.





Tornano In Mente – Alex Britti

17 01 2011

Informazioni sul testo:

  • Artista ed interprete: Alessandro Britti;
  • Album: Festa;
  • Anno di pubblicazione: 2005;
  • Genere: Pop;
  • Premi vinti: nessuno;
  • Sito ufficiale dell’artista: http://www.alexbritti.com/;

Il testo

TORNANO IN MENTE

Parigi era di un bello devastante
ed io troppo giovane e testardo
Un fascino accogliente, un po’ ammaliante
io ero già lì, ma ancora distante

Il grigio che spegneva un po’ i colori
l’arte raccontava i suoi dolori
il cibo saporito e coloniale
in mezzo a tanto freddo, qualcosa normale

I viali coi colori degli artisti
e le passeggiate interminabili
momenti a volte belli a volte tristi
sono ancora dentro incancellabili

E tornano in mente
cose di tanti anni fa
ti sembrerà niente
però vuol dire che qualcosa ci sta

Tornano in mente
amici di tanto tempo fa
e tutta la gente
che hai conosciuto e in qualche modo, tornerà

Quando ritornai nel mio quartiere
non era più lo stesso neanche lui
le stesse facce, il solito barbiere
però qualcosa era diverso ormai

Passeranno mille primavere
mentre tutto cambia, resterà così
ricorderò le cose più sincere
e le altre proverò a lasciarle lì

Ma tornano in mente
cose di tanti anni fa
ti sembrerà niente
però vuol dire che qualcosa ci sta

Tornano in mente
amici di tanto tempo fa
e tutta la gente
che ho conosciuto e in qualche modo, tornerà

Ritorneranno forte nella mente
momenti che ho vissuto intensamente
e tutta la gente
che ho conosciuto e in qualche modo, tornerà

Ti sembrerà niente
però vuol dire che qualcosa, ancora ci sta.





Festa – Alex Britti

16 01 2011

Informazioni sul testo:

  • Artista ed interprete: Alessandro Britti;
  • Album: Festa;
  • Anno di pubblicazione:2005;
  • Genere: Pop;
  • Premi vinti: nessuno;
  • Sito ufficiale dell’artista: http://www.alexbritti.com/.

Il testo

FESTA

In un vecchio castello
Vive un conte dimesso
Con duemila ricordi ormai parla da solo
E gli capita spesso
Sempre una sigaretta
Fra le dita ingiallite
Una macchina arriva
Lascia pacchi e bottiglie e poi se ne va
Il paese è in festa due sospiri più in là
Ma i ricordi son troppi ed il conte ingiallito
Da solo se ne sta

In un altro paese
c’è una donna simbolica
Con un figlio da crescere e un uomo impegnato a cercare l’America
Vive un mondo di sogni e speranze virtuali
Aggrappati ad un filo i suoi giorni che passano uguali
Se qualcuno fa festa un sorriso più in là
Lei neanche s’accorge
Colleziona promesse
E da sola se ne sta

In un viaggio improbabile
Su una barca ferita
Ci sta un giovane uomo che guarda curioso la sua vita in salita
Affamato di tutto
Spaventato da niente
I suoi occhi hanno visto già il diavolo sorridere in mezzo alla gente
Lui si aspetta una festa qualche mare più in là
Intanto guarda l’orizzonte
Si rannicchia in un angolo
E da solo se ne sta

In un attico in centro c’è un attore famoso
Sotto casa lo aspettano un fotografo, un cane e un marito geloso
Lo vedrai in copertina con la faccia felice
Ma nella sua strana vita la solitudine fa da cornice
E quando è giorno di festa, lui festa farà
Apre un’ altra bottiglia
Poi raggiunge il divano e da solo se ne sta.





Immaturi – Alex Britti

16 01 2011

Informazioni sul testo:

  • Artista ed interprete: Alessandro Britti;
  • Album://;
  • Anno di pubblicazione: 2011;
  • Genere: Pop/Blues;
  • Premi vinti: nessuno;
  • Sito ufficiale dell’artista: http://www.alexbritti.com/.

Il testo

IMMATURI

E’ difficile accettare
avventure già vissute
ma infondo è questa vita  che è piena di sorprese
quei ricordi ormai sbiaditi
rieccoli prepotenti
come se nulla fosse ti tornano tra i denti
se gli esami non finiscono non cambiano le attese e nei giorni che ci aspettano centomila
candele accese, che si spengono in un secondo non appena le vuoi soffiare
c’è qualcosa che ci spinge
è difficile cambiare
e per quelli come noi
che si sentono insicuri
c’è soltanto una risposta

a volte siamo un po’ immaturi
come il sole verso l’alba
che fa luce ma non scalda (immaturi)
noi che andiamo controvento
ma che infondo il vento non ci sfiora mai.

E’ difficile arrivare puntuale di mattina
quando la notte è lunga
e il freddo ci consuma
ci consuma questa vita che ci illumina di immenso
c’è una stella da raggiungere e sennò non ha più senso
e ti accorgi in un istante
che saranno tempi duri
e c’è solo una risposta

A volte siamo un po’ immaturi
come il cielo all’improvviso
come il buio in un sorriso (immaturi)
noi cerchiamo una risposta
ma poi quando la troviamo scappiamo via
come il cielo del mattino
e lo sguardo di un bambino (immaturi)
adulti di nascosto, ma che forse adulti non saremo mai.





Jazz – Alex Britti

29 05 2010

Informazioni sul testo:

  • Artista ed interprete: Alessandro Britti;
  • Album: It.Pop; Alex Britti Mtv Unplugged;
  • Anno di pubblicazione: 1998; 2008;
  • Genere: Jazz;
  • Premi vinti: nessuno.

Il testo

JAZZ

forza di pensare sempre al cielo e mare ho rovinato tutti i miei pensieri più belli
L’autonomia di fare, di parlare e ragionare ha rovinato anche i miei capelli
E mentre controllavo dalla torre dei ragionamenti miei andavo non so dove
Però era meglio che restavo qui a far canzoni nuove
Lo stress che ci circonda a volte non si fa vedere, si nasconde non lo vedi ma c’è
Ormai assimilato nel programma basilare s’è infilato nella scheda che è in te
E noi facciamo il tutto per poterci rilassare e allora ecco cielo e mare perché
E se stanotte non vorrò pensare dormirò da te
Sì questo è jazz
Perché altrimenti come si chiama
Sì questo è jazz
Ma solo due o tre volte a settimana e non di più
Perché il jazz fa bene sì allo stress
Ma t’allontana dalla base e rischi non tornare più

Sognavo anche di notte quei locali un po’ fumosi, con magari una nera che canta
Ma quando poi mi risvegliavo m’accorgevo che non eravamo più negli anni sessanta.
Sarà che mi rilassa questo suono affascinante che comunque ancora un po’ è diverso
Sarà per questo che si fa jazz magari a tempo perso
Sì questo è jazz
Perché altrimenti come si chiama
Sì questo è jazz
Ma solo due o tre volte a settimana e non di più
Perché il jazz Fa bene si allo stress
Ma t’allontana dalla base e rischi non tornare più
Ma sta lontano dalla base rischi di non tornare più col jazz





La Vita Sognata – Alex Britti

6 05 2010

Informazioni sul testo:

  • Artista ed interprete: Alessandro Britti;
  • Album: 3;
  • Anno di pubblicazione: 2003;
  • Genere: Pop;
  • Premi vinti: nessuno.

Il testo

LA VITA SOGNATA

Per ogni stella che
s’e’ accesa in cielo
per ogni volta che ti pensero’

per ogni strada grande
che non porta in nessun posto
per quello che ho imparato ma non so

per un amico che non e’ un amico
per ogni santo che ringraziero’

per ogni stato d’animo che
non mi fa dormire
per quello che stanotte sognero’

per tutto il mare che c’abbiamo intorno
per tutte le montagne e le citta’

per tutta l’emozione fino al giorno
che m’hai detto vado via finisce qua

per l’amore che viene e che va
per le cose lasciate a meta’

per la vita che a volte non e’
come quella sognata

per i cornetti alle tre del mattino
i cappuccini presi in tanti bar

per la mia vita adesso e’ quello
che faro’ da grande

per la donna che forse un giorno mi
sposera’

e per i vizi e tutte le passioni
le notti in bianco e i litri di caffe’

per tutti i treni persi e le occasioni
per tutti gli anni che pensavo a te

per l’amore che viene e che va
per il frutto che un giorno dara’

questa vita che a volte non e’
come quella sognata